Sulla memoria, la rappresentazione, il simbolico. Ripensando lo “statuto inquieto” delle immagini