L’ottica distorta della celebrazione