«La dolce convessità d'amb'i sessi». Winckelmann e l'estetica della transizione