Alla periferia del mondo, ai margini dell’umano. Felicità e dolore in Diodoro