Inserti metrici nel «De eodem et diverso» di Adelardo di Bath