QUEL CHE RESTA NEGLI OCCHI:LA SCENOGRAFIA COME IBRIDO D'ARCHITETTURA