In questo saggio sono illustrati gli studi su un’area marginale del centro storico di Alcamo condotti da un gruppo di ricerca del Circes, costituito dai proff. Tiziana Campisi (coordinamento e direzione della unità di ricerca), Simona Colajanni e Manfredi Saeli (componenti dell’unità di ricerca) e - per allora – dall’allieva ingegnere Alessandra Foderà, con la collaborazione esterna del geologo dott. Antonio Bambina. Il centro storico di Alcamo, per la sua complessità e articolazione, può costituire un contesto particolarmente idoneo per supportare sperimentazioni progettuali basati sulla utilizzazione dei più aggiornati strumenti di recupero e rigenerazione. Negli ultimi anni, infatti, la città è stata caratterizzata da una particolare vivacità progettuale, che ha portato a definire alcune buone pratiche sulle quali fondare nuove prospettive di sviluppo della città. Dallo studio della realtà alcamese è emersa in particolare, da un lato la necessità di rafforzare le potenzialità dell’area urbana della città come luogo di attrazione di funzioni e servizi specializzati, inteso anche come luogo di connessione e di servizio per i processi di sviluppo del territorio, dall’altra il ruolo fondamentale che posso- no avere in tale processo alcuni strumenti innovativi introdotti nella normativa e nella programmazione dell’ultimo decennio, che hanno inciso positivamente a scala territoriale nel favorire virtuosi processi di riqualificazione e rigenerazione urbana.

Tiziana Campisi, S.C. (2021). Recupero e rigenerazione urbana della cava e dell’area dello Stazzone in contrada Cappuccini. Luci e ombre sotto piazza sant’Anna.. In Giuseppe Trombino (a cura di), Alcamo. Studi, piani e progetti per il centro storico (pp. 171-182). Milano : Franco Angeli srl.

Recupero e rigenerazione urbana della cava e dell’area dello Stazzone in contrada Cappuccini. Luci e ombre sotto piazza sant’Anna.

Tiziana Campisi
;
Simona Colajanni
;
Manfredi Saeli
2021

Abstract

In questo saggio sono illustrati gli studi su un’area marginale del centro storico di Alcamo condotti da un gruppo di ricerca del Circes, costituito dai proff. Tiziana Campisi (coordinamento e direzione della unità di ricerca), Simona Colajanni e Manfredi Saeli (componenti dell’unità di ricerca) e - per allora – dall’allieva ingegnere Alessandra Foderà, con la collaborazione esterna del geologo dott. Antonio Bambina. Il centro storico di Alcamo, per la sua complessità e articolazione, può costituire un contesto particolarmente idoneo per supportare sperimentazioni progettuali basati sulla utilizzazione dei più aggiornati strumenti di recupero e rigenerazione. Negli ultimi anni, infatti, la città è stata caratterizzata da una particolare vivacità progettuale, che ha portato a definire alcune buone pratiche sulle quali fondare nuove prospettive di sviluppo della città. Dallo studio della realtà alcamese è emersa in particolare, da un lato la necessità di rafforzare le potenzialità dell’area urbana della città come luogo di attrazione di funzioni e servizi specializzati, inteso anche come luogo di connessione e di servizio per i processi di sviluppo del territorio, dall’altra il ruolo fondamentale che posso- no avere in tale processo alcuni strumenti innovativi introdotti nella normativa e nella programmazione dell’ultimo decennio, che hanno inciso positivamente a scala territoriale nel favorire virtuosi processi di riqualificazione e rigenerazione urbana.
Settore ICAR/10 - Architettura Tecnica
Tiziana Campisi, S.C. (2021). Recupero e rigenerazione urbana della cava e dell’area dello Stazzone in contrada Cappuccini. Luci e ombre sotto piazza sant’Anna.. In Giuseppe Trombino (a cura di), Alcamo. Studi, piani e progetti per il centro storico (pp. 171-182). Milano : Franco Angeli srl.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Campisi-Colajanni-Foderà-Saeli - Cava Stazzone Alcamo.pdf

non disponibili

Descrizione: estratto pdf del contributo
Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 5.99 MB
Formato Adobe PDF
5.99 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/500670
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact