This article examines the Roman archaeological evidence of Piana di Partinico, an area East of the Gulf of Castellammare, seat to farms and villas, including the famous villa of Sirignano. The area of Contrada Amone, already known for the presence of a bath and for the discovery of polychrome mosaics, is now enriched with the reporting of a craft area. The discovery of some discarded tiles has been an opportunity to reflect on the origin of the specimens branded ΟΝΑΣΟΥ, for which is traditionally accepted their exclusive production in the Bay of San Cataldo. A preliminary study of the mixtures of the ceramic productions of the sites of Contrada Amone and Baia di San Cataldo is therefore presented. In support of these analyses, the compositional characteristics of a bank of blue clay, recognised in the Bay of San Cataldo and probably used in local ceramic production from antiquity to the modern era, are given in the appendix.

Questo articolo esamina le evidenza archeologiche di età romana nella Piana di Partinico, un'area ad Est del Golfo di Castellammare ricca di insediamenti rurali e ville tra cui quella famosa di Sirignano. L'area di contrada Amone, già nota per la presenza di un impianto termale e la scoperta di lacerti di mosaici policromi, si arricchisce adesso di una nuova area artigianale. La scoperta di alcuni scarti di tegole ha fornito l'opportunità per riflettere sulla possibile origine delle tegole bollate ONASOY, di cui si accetta tradizionalmente la provenienza dalla baia di San Cataldo. Viene dunque presentato un esame preliminare degli impasti ceramici provenienti da contrada Amone e baia San Cataldo. L'articolo è concluso da un'appendice in cui si analizza un banco di argille affiorante ne pressi di baia San Cataldo ed probabilmente impiegato fino ad epoca moderna da una locale manifattura ceramica

giovanni polizzi, fabrizio ducati, francesco longo (2019). Note preliminari sul rinvenimento di un'area artigianale da Contrada Amone e sulla produzione ceramica nel bacino idrografico del fiume Nocella. NOTIZIARIO ARCHEOLOGICO DELLA SOPRINTENDENZA DI PALERMO, 48, 1-15.

Note preliminari sul rinvenimento di un'area artigianale da Contrada Amone e sulla produzione ceramica nel bacino idrografico del fiume Nocella

giovanni polizzi;fabrizio ducati
;
2019

Abstract

Questo articolo esamina le evidenza archeologiche di età romana nella Piana di Partinico, un'area ad Est del Golfo di Castellammare ricca di insediamenti rurali e ville tra cui quella famosa di Sirignano. L'area di contrada Amone, già nota per la presenza di un impianto termale e la scoperta di lacerti di mosaici policromi, si arricchisce adesso di una nuova area artigianale. La scoperta di alcuni scarti di tegole ha fornito l'opportunità per riflettere sulla possibile origine delle tegole bollate ONASOY, di cui si accetta tradizionalmente la provenienza dalla baia di San Cataldo. Viene dunque presentato un esame preliminare degli impasti ceramici provenienti da contrada Amone e baia San Cataldo. L'articolo è concluso da un'appendice in cui si analizza un banco di argille affiorante ne pressi di baia San Cataldo ed probabilmente impiegato fino ad epoca moderna da una locale manifattura ceramica
Settore L-ANT/07 - Archeologia Classica
Settore L-ANT/09 - Topografia Antica
https://www.academia.edu/40082544/G_Polizzi_F_Ducati_F_Longo_Note_preliminari_sul_rinvenimento_di_unarea_artigianale_da_Contrada_Amone_e_sulla_produzione_ceramica_nel_bacino_idrografico_del_fiume_Nocella_Notiziario_Archeologico_Soprintendenza_Palermo_n_48_2019
giovanni polizzi, fabrizio ducati, francesco longo (2019). Note preliminari sul rinvenimento di un'area artigianale da Contrada Amone e sulla produzione ceramica nel bacino idrografico del fiume Nocella. NOTIZIARIO ARCHEOLOGICO DELLA SOPRINTENDENZA DI PALERMO, 48, 1-15.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2_Polizzi_Ducati_Longo_2019.pdf

accesso aperto

Descrizione: articolo principale
Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 1.59 MB
Formato Adobe PDF
1.59 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/495632
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact