La "moralità" dell'ergastolo ostativo per i fatti di mafia