Utilità del test di provocazione orale in doppio cieco nell'esclusione della diagnosi di APLV