Giuseppe Vittorio Ugo e il moderno a Palermo