Sulle risorse di unificazione sociale della soggettività