Verità ed evidenza: radici di un’etica fenomenologica