A proposito di un testo di Arcadio Carisio in tema di quaestio per tormenta de servis (D. 48.18.10.2)