Impugnazioni e pandemia: l'esilio dell'oralità e la "smaterializzazione" della camera di consiglio