Nell’attuale dibattito sul tema della post-verità le emozioni sono generalmente pensate in contrapposizione o ai ‘fatti’ o alle ‘ragioni’. Tale contrapposizione sottintende una forte svalutazione della sfera emotiva, percepita come sostanzialmente ‘irrazionale’ e pertanto pericolosa. L'articolo intende mostrare l’inadeguatezza di questa idea facendo ricorso all' apparato concettuale della Retorica di Aristotele. Il limite principale della dicotomia emozioni/ragioni consiste nel non tenere nel debito conto il fatto che l’azione umana (cui il discorso persuasivo in ultima istanza mira) non può mai prescindere dalla componente del desiderio, che è invece centrale nella prospettiva aristotelica. In questa prospettiva, il ricorso all’appello emotivo nel discorso con finalità persuasive non solo non ha niente di “irrazionale”, ma non va inteso nemmeno come un ripiego necessario dinanzi ad interlocutori dalle ridotte capacità cognitive. È, al contrario, una condizione ineliminabile di un discorso che voglia davvero aver presa sull’ascoltatore. Se ciò è vero in generale, lo è a maggior ragione nei i casi in cui ad essere in gioco sono questioni che riguardano la salute, e quindi la vita stessa dell’individuo coinvolto. Non si tratta dunque di ipotizzare — anche solo come ideale regolativo — un discorso del tutto privo di tonalità emotiva, fatto solo di argomenti ‘razionali’ e appello ai ‘fatti’ (e, per ciò stesso, garanzia di ‘verità’) ma di domandarsi quali emozioni siano più pertinenti rispetto agli argomenti in gioco e più capaci, eventualmente, di motivare l’ascoltatore in modo da renderlo parte attiva del processo persuasivo. Questo significa che identificare la parola corrotta e manipolativa con quella emotiva non ci aiuta davvero a capire come affrontare questioni così urgenti come la perdita di fiducia negli esperti o il successo delle ideologie anti-scientifiche. La sfida è piuttosto quella di provare a comprendere che anche la "pancia" ha le sue ragioni e che dobbiamo imparare ad ascoltarle.

FRANCESCA PIAZZA (2020). Parlare alla pancia. Sulla falsa dicotomia tra emozioni e ragioni. In S. Bigi, Caporale, C, Zagarella RM (a cura di), Politiche del linguaggio in medicina. Una prospettiva etica e linguistica (pp. 31-40). Pisa : ETS.

Parlare alla pancia. Sulla falsa dicotomia tra emozioni e ragioni

FRANCESCA PIAZZA
2020

Abstract

Nell’attuale dibattito sul tema della post-verità le emozioni sono generalmente pensate in contrapposizione o ai ‘fatti’ o alle ‘ragioni’. Tale contrapposizione sottintende una forte svalutazione della sfera emotiva, percepita come sostanzialmente ‘irrazionale’ e pertanto pericolosa. L'articolo intende mostrare l’inadeguatezza di questa idea facendo ricorso all' apparato concettuale della Retorica di Aristotele. Il limite principale della dicotomia emozioni/ragioni consiste nel non tenere nel debito conto il fatto che l’azione umana (cui il discorso persuasivo in ultima istanza mira) non può mai prescindere dalla componente del desiderio, che è invece centrale nella prospettiva aristotelica. In questa prospettiva, il ricorso all’appello emotivo nel discorso con finalità persuasive non solo non ha niente di “irrazionale”, ma non va inteso nemmeno come un ripiego necessario dinanzi ad interlocutori dalle ridotte capacità cognitive. È, al contrario, una condizione ineliminabile di un discorso che voglia davvero aver presa sull’ascoltatore. Se ciò è vero in generale, lo è a maggior ragione nei i casi in cui ad essere in gioco sono questioni che riguardano la salute, e quindi la vita stessa dell’individuo coinvolto. Non si tratta dunque di ipotizzare — anche solo come ideale regolativo — un discorso del tutto privo di tonalità emotiva, fatto solo di argomenti ‘razionali’ e appello ai ‘fatti’ (e, per ciò stesso, garanzia di ‘verità’) ma di domandarsi quali emozioni siano più pertinenti rispetto agli argomenti in gioco e più capaci, eventualmente, di motivare l’ascoltatore in modo da renderlo parte attiva del processo persuasivo. Questo significa che identificare la parola corrotta e manipolativa con quella emotiva non ci aiuta davvero a capire come affrontare questioni così urgenti come la perdita di fiducia negli esperti o il successo delle ideologie anti-scientifiche. La sfida è piuttosto quella di provare a comprendere che anche la "pancia" ha le sue ragioni e che dobbiamo imparare ad ascoltarle.
On the False Dichotomy between Emotions and Reasons.
Settore M-FIL/05 - Filosofia E Teoria Dei Linguaggi
FRANCESCA PIAZZA (2020). Parlare alla pancia. Sulla falsa dicotomia tra emozioni e ragioni. In S. Bigi, Caporale, C, Zagarella RM (a cura di), Politiche del linguaggio in medicina. Una prospettiva etica e linguistica (pp. 31-40). Pisa : ETS.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Piazza parlare alla pancia-ETS.pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: saggio in volume
Tipologia: Post-print
Dimensione 918.62 kB
Formato Adobe PDF
918.62 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/477030
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact