E allora c’è l’uso della tipografia per la composizione del testo, in forma concisa di pensieri sparsi o più strutturata di riflessioni ampie, necessarie per tenere insieme la mente e la mano, per verificare la direzione presa e correggere la rotta se necessario. C’è l’uso del progetto grafico, che di strumenti ne richiede diversi, la tipografia in primis, ma anche le forme, i colori, e poi le gerarchie, le relazioni, e su tutti la traduzione dei contenuti, un continuo processo di mediazione. C’è infine l’uso del disegno, che ha bisogno davvero di pochi strumenti per esistere, un foglio e un pennino, ovvero un piano su cui depositare una bava di inchiostro e uno in grado di spargerlo sulla superficie come liquido viscoso, capace di rendere visibile quello che per sua natura non lo è… un pensiero, un dissenso, un’intuizione, una malinconia, un amorevole gesto. La raccolta di disegni mette in sequenza tante camere con vista e sfogliandone le pagine vi si possono osservare, come stando con gli occhi appoggiati sul davanzale, i paesaggi disegnati, che acquistano via via il carattere di uno spazio intimo, domestico, pubblico, ipotetico, surreale, oppure come molto più spesso accade, semplicemente visionario.

FERRARA, C. (2021). Il laboratorio di A.. In Appunti in attesa di discorsi compiuti : tra disegni e scritture (pp. 11-13). Siracusa : LetteraVentidue.

Il laboratorio di A.

FERRARA, Cinzia
2021

Abstract

E allora c’è l’uso della tipografia per la composizione del testo, in forma concisa di pensieri sparsi o più strutturata di riflessioni ampie, necessarie per tenere insieme la mente e la mano, per verificare la direzione presa e correggere la rotta se necessario. C’è l’uso del progetto grafico, che di strumenti ne richiede diversi, la tipografia in primis, ma anche le forme, i colori, e poi le gerarchie, le relazioni, e su tutti la traduzione dei contenuti, un continuo processo di mediazione. C’è infine l’uso del disegno, che ha bisogno davvero di pochi strumenti per esistere, un foglio e un pennino, ovvero un piano su cui depositare una bava di inchiostro e uno in grado di spargerlo sulla superficie come liquido viscoso, capace di rendere visibile quello che per sua natura non lo è… un pensiero, un dissenso, un’intuizione, una malinconia, un amorevole gesto. La raccolta di disegni mette in sequenza tante camere con vista e sfogliandone le pagine vi si possono osservare, come stando con gli occhi appoggiati sul davanzale, i paesaggi disegnati, che acquistano via via il carattere di uno spazio intimo, domestico, pubblico, ipotetico, surreale, oppure come molto più spesso accade, semplicemente visionario.
Settore ICAR/13 - Disegno Industriale
FERRARA, C. (2021). Il laboratorio di A.. In Appunti in attesa di discorsi compiuti : tra disegni e scritture (pp. 11-13). Siracusa : LetteraVentidue.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
AP_appunti in attesa_cinzia ferrara.pdf

Solo gestori archvio

Tipologia: Pre-print
Dimensione 512.67 kB
Formato Adobe PDF
512.67 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/476315
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact