La fisionomia del testamento tra volontà negativa e traduzione in regola successoria