Ambiguità e potenza dello sguardo, tra enigmi persistenti e geometrie del caos