Per guardare una città occorre perdere l’equilibrio