Mafia, politica e diritto di critica: un caso emblematico