L’opposizione dei creditori alla fusione ex art. 2503 c.c. consiste in un giudizio contenzioso assimilabile, per taluni profili, all’azione revocatoria, inquantovolto alla tutela della garanzia patrimoniale genericaedaventeadoggetto il carattere pregiudizievole della operazione rispetto alla posizione dei creditori; carattere pregiudizievole il cui accertamento all’esito del giudizio comporta la definitiva ineseguibilità della delibera approvante la fusione. L’introduzione dell’opposizione comporta di per sé effetti sospensivi ex lege dell’efficacia della delibera di fusione che sono però rimuovibili tramite la specifica autorizzazione del tribunale a procedere alla fusione nonostante l’opposizione. La richiesta di autorizzazione alla fusione dà luogo ad un procedimento cautelare c.d. a parti invertite nell’ambito del quale andrà sommariamente apprezzata la fondatezza delle ragioni di opposizione.

Maria Vittoria Zammitti (2019). L’opposizione dei creditori alla fusione ex art. 2503, comma 2, c.c., al vaglio della giurisprudenza milanese.

L’opposizione dei creditori alla fusione ex art. 2503, comma 2, c.c., al vaglio della giurisprudenza milanese

Maria Vittoria Zammitti
2019-01-01

Abstract

L’opposizione dei creditori alla fusione ex art. 2503 c.c. consiste in un giudizio contenzioso assimilabile, per taluni profili, all’azione revocatoria, inquantovolto alla tutela della garanzia patrimoniale genericaedaventeadoggetto il carattere pregiudizievole della operazione rispetto alla posizione dei creditori; carattere pregiudizievole il cui accertamento all’esito del giudizio comporta la definitiva ineseguibilità della delibera approvante la fusione. L’introduzione dell’opposizione comporta di per sé effetti sospensivi ex lege dell’efficacia della delibera di fusione che sono però rimuovibili tramite la specifica autorizzazione del tribunale a procedere alla fusione nonostante l’opposizione. La richiesta di autorizzazione alla fusione dà luogo ad un procedimento cautelare c.d. a parti invertite nell’ambito del quale andrà sommariamente apprezzata la fondatezza delle ragioni di opposizione.
Maria Vittoria Zammitti (2019). L’opposizione dei creditori alla fusione ex art. 2503, comma 2, c.c., al vaglio della giurisprudenza milanese.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
8_L'opposizione dei creditori alla fusione_Soc. 8-9_2019.pdf

Solo gestori archvio

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 124.77 kB
Formato Adobe PDF
124.77 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/460920
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact