Morfologia e sintassi: questioni di confine ‘vecchie’ e ‘nuove’