the collected essays focus on the forms of Sicilian cuisine, that is they demonstrate how a generic and unspecified island food culture (Hjelmslevianly understood as amorphous material) can be shaped and cut out in different ways, giving life to concrete dishes, traditions, recipe books, spaces catering, consumer practices.

è soltanto al termine della lettura dei saggi raccolti nel volume che ne emerge al meglio il loro effetto sistemico e che si spiega in pieno il senso del titolo del volume. Sono una serie di esercizi, ossia modi di mettere alla prova gli strumenti della semiotica in uno dei campi che più di recente ha avuto grande attenzione da parte del mondo politico, economico, mediatico, e con cui la stessa scienza della significazione si è cimentata ormai da tempo. Esercizi che dimostrano l’efficacia delle teorie che mettono alla prova e che allo stesso tempo consentono di arricchirle. Ma, nel loro complesso, i saggi raccolti si focalizzano sulle forme della cucina siciliana, ovvero dimostrano come una generica e non meglio precisata cultura alimentare isolana (intesa hjelmslevianamente come materia amorfa) possa essere plasmata e ritagliata in modi diversi, dando vita a concreti piatti, tradizioni, ricettari, spazi della ristorazione, pratiche di consumo.

Giannitrapani, A. (2020). Per una semiotica della cultura alimentare. In A. Giannitrapani, D. Puca (a cura di), Forme della cucina siciliana. Esercizi di semiotica del gusto (pp. 393-404). milano : Meltemi.

Per una semiotica della cultura alimentare

Giannitrapani, A.
2020-01-01

Abstract

è soltanto al termine della lettura dei saggi raccolti nel volume che ne emerge al meglio il loro effetto sistemico e che si spiega in pieno il senso del titolo del volume. Sono una serie di esercizi, ossia modi di mettere alla prova gli strumenti della semiotica in uno dei campi che più di recente ha avuto grande attenzione da parte del mondo politico, economico, mediatico, e con cui la stessa scienza della significazione si è cimentata ormai da tempo. Esercizi che dimostrano l’efficacia delle teorie che mettono alla prova e che allo stesso tempo consentono di arricchirle. Ma, nel loro complesso, i saggi raccolti si focalizzano sulle forme della cucina siciliana, ovvero dimostrano come una generica e non meglio precisata cultura alimentare isolana (intesa hjelmslevianamente come materia amorfa) possa essere plasmata e ritagliata in modi diversi, dando vita a concreti piatti, tradizioni, ricettari, spazi della ristorazione, pratiche di consumo.
9788855193153
Giannitrapani, A. (2020). Per una semiotica della cultura alimentare. In A. Giannitrapani, D. Puca (a cura di), Forme della cucina siciliana. Esercizi di semiotica del gusto (pp. 393-404). milano : Meltemi.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Giannitrapani_cucina_siciliana_postfazione.pdf

Solo gestori archvio

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 105.67 kB
Formato Adobe PDF
105.67 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/457112
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact