If the headlines of the TV series are living, together with their reference mother texts, a golden age, with more and more accurate acronyms that wink at a fan fond, the same (perhaps) cannot be said for the credits, traditionally peritesti deputies to end the episode. Yet the credits represent the other side of the frame, they go symmetrically to close (and therefore to enhance) that inaugurated episode opening with the initials. They are the mark of the end of the episode. They can represent a moment of transit, reflection, sometimes of sanction on the show just seen, a return to the here and now of vision, a fruition ritual not to be missed. The credits seem to be that ambiguous and uncertain frontier of the end, moment of suspension that precedes a more or less imminent recovery. And in what frontier, are configured as a terrain of encounter and confrontation in which different voices take a stand.

Se i titoli di testa delle serie tv stanno vivendo, insieme ai loro testi madre di riferimento, un’epoca d’oro, con sigle sempre più curate che ammiccano a un fan affezionato, lo stesso (forse) non può dirsi per i titoli di coda, peritesti tradizionalmente deputati a porre fine alla puntata. Punti ibridi tra l’interno e l’esterno dell’episodio, rappresentano spesso momenti ideali per alzarsi, ben poco attratti da uno schermo nero su cui si susseguono, senza soluzione di continuità, elenchi di nomi sconosciuti ai non addetti ai lavori, fornitori, sponsor, ringraziamenti, citazioni. A maggior ragione se fruiti su piattaforme non lineari, meglio scorrere le puntate in successione senza noiose interruzioni, senza inutili informazioni. Eppure i titoli di coda rappresentano l’altro lato della cornice, vanno simmetricamente a chiudere (e dunque a valorizzare) quell’apertura di puntata inaugurata con la sigla. Sono il marchio della fine dell’episodio. Possono rappresentare un momento di transito, di riflessione, a volte di sanzione sullo spettacolo appena visto, un ritorno al qui e ora della visione, un rituale di fruizione da non perdere. I titoli di coda sembrano essere quella frontiera ambigua e incerta della fine, momento di sospensione che precede una più o meno imminente ripresa. E in quanto frontiera, si configurano come terreno di incontro e di scontro in cui diverse voci prendono posizione. Esigenze produttive, distributive, di fruizione li tirano da un lato e dall’altro, ora allungandoli infinitamente ora cancellandoli programmaticamente: da strumento di valorizzazione del prodotto finzionale, i titoli di coda possono diventare un noioso intralcio per il fruitore seriale o un pericoloso ostacolo per il distributore che mira al binge watching compulsivo. Ed ecco allora emergere nuove tattiche, che mirano a ravvivare questo microgenere testuale, inserendo anticipazioni, tagli, commenti, sorprese.

Giannitrapani, A. (2020). That’s all, folks. Guerriglie e strategie di fine puntata. In A. Giannitrapani, G. Marrone (a cura di), Forme della serialità. Oggi e ieri (pp. 143-158). Palermo : Edizioni Museo Pasqualino.

That’s all, folks. Guerriglie e strategie di fine puntata

Giannitrapani, A.
2020

Abstract

Se i titoli di testa delle serie tv stanno vivendo, insieme ai loro testi madre di riferimento, un’epoca d’oro, con sigle sempre più curate che ammiccano a un fan affezionato, lo stesso (forse) non può dirsi per i titoli di coda, peritesti tradizionalmente deputati a porre fine alla puntata. Punti ibridi tra l’interno e l’esterno dell’episodio, rappresentano spesso momenti ideali per alzarsi, ben poco attratti da uno schermo nero su cui si susseguono, senza soluzione di continuità, elenchi di nomi sconosciuti ai non addetti ai lavori, fornitori, sponsor, ringraziamenti, citazioni. A maggior ragione se fruiti su piattaforme non lineari, meglio scorrere le puntate in successione senza noiose interruzioni, senza inutili informazioni. Eppure i titoli di coda rappresentano l’altro lato della cornice, vanno simmetricamente a chiudere (e dunque a valorizzare) quell’apertura di puntata inaugurata con la sigla. Sono il marchio della fine dell’episodio. Possono rappresentare un momento di transito, di riflessione, a volte di sanzione sullo spettacolo appena visto, un ritorno al qui e ora della visione, un rituale di fruizione da non perdere. I titoli di coda sembrano essere quella frontiera ambigua e incerta della fine, momento di sospensione che precede una più o meno imminente ripresa. E in quanto frontiera, si configurano come terreno di incontro e di scontro in cui diverse voci prendono posizione. Esigenze produttive, distributive, di fruizione li tirano da un lato e dall’altro, ora allungandoli infinitamente ora cancellandoli programmaticamente: da strumento di valorizzazione del prodotto finzionale, i titoli di coda possono diventare un noioso intralcio per il fruitore seriale o un pericoloso ostacolo per il distributore che mira al binge watching compulsivo. Ed ecco allora emergere nuove tattiche, che mirano a ravvivare questo microgenere testuale, inserendo anticipazioni, tagli, commenti, sorprese.
Settore M-FIL/05 - Filosofia E Teoria Dei Linguaggi
Giannitrapani, A. (2020). That’s all, folks. Guerriglie e strategie di fine puntata. In A. Giannitrapani, G. Marrone (a cura di), Forme della serialità. Oggi e ieri (pp. 143-158). Palermo : Edizioni Museo Pasqualino.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
forme_serialità_143-158.pdf

Solo gestori archvio

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 825.87 kB
Formato Adobe PDF
825.87 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/457099
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact