«Ogni fotografia contiene anche una seconda immagine, all’inizio invisibile». Sul concetto di “disposizione” nei fototesti di Wim Wenders