Confin(at)i Mediterranei e Afroamericani. Una performance geografica sulla disumanizzazione