Faced with Sigmund Freud’s entire production, historical memory firstly suggests one should pay attention to the contents of the "Interpretation of Dreams" (1899) and "Beyond the Pleasure Principle" (1920). The text of these two works denotes the epistemological evolution of the research activity carried out by the father of psychoanalysis, up to his mature work. The keywords “hysteria,” “hypnosis” and “cathartic method” allow us to identify the final adoption of the maieutic method, exposed in the writings of Freud’s maturity and those of his last years. In this sense, in addition to "Negation" (1925), the other texts to be referred to are "Analysis Terminable and Interminable" and "Constructions in Analysis" (both 1937), with which psychoanalysis as such also acquired its theoretical connotation. Nonetheless, without detracting anything from Freud’s best-known works, for a fully comprehensive re-reading of the epistemological foundations of his psychoanalysis, it is advisable to re-read the clinical cases, with particular reference to those published in 1895, in collaboration with Josef Breuer. The titles of the first clinical cases are: Miss Anna O. and Mrs. Emmy von N., on the one hand; Miss Lucy R., Katharina… and Miss Elisabeth von R., on the other. By following this approach one can discover the foundations of psychoanalysis, and the transition from the phase of hypnosis and dream interpretation to the definitive phase of free association focused on the maieutic method.

Nel rivolgere lo sguardo all’intera produzione di Sigmund Freud, in primo luogo la memoria storica suggerisce di prestare attenzione al contenuto de L’interpretazione dei sogni (del 1899) e di Al di là del principio di piacere (del 1920). Il testo di queste due opere denota l’evoluzione epistemologica della ricerca svolta dal padre della psicoanalisi, sino a giungere alle opere della maturità. I concetti di «isteria», «ipnosi» e «metodo catartico » consentono di riscontrare l’assunzione definitiva del metodo maieutico, esposto negli scritti della maturità e degli ultimi anni. Mi riferisco in particolare, oltre a La negazione (del 1925), soprattutto a Analisi terminabile e interminabile e Costruzioni nell’analisi (entrambi del 1937), con i quali appunto la psicoanalisi viene assunta anche nella sua connotazione teorica. Tuttavia, senza nulla togliere alle opere più note di Freud, per una completa rilettura dei fondamenti epistemologici della sua dottrina, è opportuno rileggere i Casi clinici, con particolare riferimento a quelli pubblicati nel 1895 in collaborazione con Josef Breuer: si tratta di Signorina Anna O. e Signora Emmy von N., per un verso; Miss Lucy R., Katharina… e Signorina Elisabeth von R., per un altro verso. In tal modo è possibile comprendere il fondamento della psicoanalisi che, dalla fase dell’ipnosi e dell’interpretazione dei sogni, giunge alla fase definitiva delle libere associazioni incentrata sul metodo maieutico.

Rancadore (2019). Il fondamento epistemologico della psicoanalisi freudiana nei casi clinici del 1895. PHYSIS, RIVISTA INTERNAZIONALE DI STORIA DELLA SCIENZA, LIV (2019)(1-2), 309-325.

Il fondamento epistemologico della psicoanalisi freudiana nei casi clinici del 1895

Rancadore
2019-01-01

Abstract

Nel rivolgere lo sguardo all’intera produzione di Sigmund Freud, in primo luogo la memoria storica suggerisce di prestare attenzione al contenuto de L’interpretazione dei sogni (del 1899) e di Al di là del principio di piacere (del 1920). Il testo di queste due opere denota l’evoluzione epistemologica della ricerca svolta dal padre della psicoanalisi, sino a giungere alle opere della maturità. I concetti di «isteria», «ipnosi» e «metodo catartico » consentono di riscontrare l’assunzione definitiva del metodo maieutico, esposto negli scritti della maturità e degli ultimi anni. Mi riferisco in particolare, oltre a La negazione (del 1925), soprattutto a Analisi terminabile e interminabile e Costruzioni nell’analisi (entrambi del 1937), con i quali appunto la psicoanalisi viene assunta anche nella sua connotazione teorica. Tuttavia, senza nulla togliere alle opere più note di Freud, per una completa rilettura dei fondamenti epistemologici della sua dottrina, è opportuno rileggere i Casi clinici, con particolare riferimento a quelli pubblicati nel 1895 in collaborazione con Josef Breuer: si tratta di Signorina Anna O. e Signora Emmy von N., per un verso; Miss Lucy R., Katharina… e Signorina Elisabeth von R., per un altro verso. In tal modo è possibile comprendere il fondamento della psicoanalisi che, dalla fase dell’ipnosi e dell’interpretazione dei sogni, giunge alla fase definitiva delle libere associazioni incentrata sul metodo maieutico.
Settore M-FIL/06 - Storia Della Filosofia
Rancadore (2019). Il fondamento epistemologico della psicoanalisi freudiana nei casi clinici del 1895. PHYSIS, RIVISTA INTERNAZIONALE DI STORIA DELLA SCIENZA, LIV (2019)(1-2), 309-325.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
22. Physis 2019 Freud.pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: Estratto dell'Articolo su rivista
Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 354.73 kB
Formato Adobe PDF
354.73 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/440530
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact