La classe in Bauman: residuo della memoria o persistenza sociale?