Negli ultimi anni, le migrazioni sono rientrate tra i temi più dibattuti dall’opinione pubblica per le implicazioni che comportano a livello politico, economico, sociale e culturale. Per non parlare, poi, di tutti i problemi definitori che hanno innescato e per i dubbi, per gli errori epistemologici, per gli scontri e i conflitti che le categorie utilizzate (ad esempio, regolare/ irregolare, rifugiato/richiedente asilo) continuano ad alimentare.È come se le migrazioni fossero diventate, da una parte, un banco di prova sul quale le forze politiche alimentano gli scontri, per non arrivare, però, a soluzioni condivise; dall’altra, un capro espiatorio per giustificare le difficoltà che il Paese lamenta. È evidente che da tale scenario emerga sempre più spesso un divario tra la “realtà” e la sua “rappresentazione” che porta, ad esempio, a selezionare alcuni degli attori delle migrazioni, come i rifugiati, e a trascurare gli altri; a non riuscire a distinguere tra l’asilo e le migrazioni; a stabilire continuamente una graduatoria tra chi viene prima e chi viene dopo nell’accesso ai diritti e agli aiuti; a sostenere la retorica dell’“invasione ormai inarrestabile”, aggravata recentemente dalla convinzione che siano i migranti a veicolare il virus Covid-19. Tralasciando questi ultimi punti, la situazione diventa alquanto complessa quando si sposta l’attenzione sulla presenza dei rifugiati e sui processi d’integrazione che li coinvolgerebbero. Negli ultimi anni l’Italia ne ha fronteggiato i flussi in entrata sperimentando modalità diverse in base alle caratteristiche dei territori di arrivo. Nonostante ciò, come si accennava, il reale incremento numerico dell’immigrazione non è compatibile con l’immagine di un’invasione verso il nostro Paese.

TUMMINELLI G (2020). Integrazione dei rifugiati: un percorso complesso. In DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2020 (pp. 181-184).

Integrazione dei rifugiati: un percorso complesso

TUMMINELLI G
2020

Abstract

Negli ultimi anni, le migrazioni sono rientrate tra i temi più dibattuti dall’opinione pubblica per le implicazioni che comportano a livello politico, economico, sociale e culturale. Per non parlare, poi, di tutti i problemi definitori che hanno innescato e per i dubbi, per gli errori epistemologici, per gli scontri e i conflitti che le categorie utilizzate (ad esempio, regolare/ irregolare, rifugiato/richiedente asilo) continuano ad alimentare.È come se le migrazioni fossero diventate, da una parte, un banco di prova sul quale le forze politiche alimentano gli scontri, per non arrivare, però, a soluzioni condivise; dall’altra, un capro espiatorio per giustificare le difficoltà che il Paese lamenta. È evidente che da tale scenario emerga sempre più spesso un divario tra la “realtà” e la sua “rappresentazione” che porta, ad esempio, a selezionare alcuni degli attori delle migrazioni, come i rifugiati, e a trascurare gli altri; a non riuscire a distinguere tra l’asilo e le migrazioni; a stabilire continuamente una graduatoria tra chi viene prima e chi viene dopo nell’accesso ai diritti e agli aiuti; a sostenere la retorica dell’“invasione ormai inarrestabile”, aggravata recentemente dalla convinzione che siano i migranti a veicolare il virus Covid-19. Tralasciando questi ultimi punti, la situazione diventa alquanto complessa quando si sposta l’attenzione sulla presenza dei rifugiati e sui processi d’integrazione che li coinvolgerebbero. Negli ultimi anni l’Italia ne ha fronteggiato i flussi in entrata sperimentando modalità diverse in base alle caratteristiche dei territori di arrivo. Nonostante ciò, come si accennava, il reale incremento numerico dell’immigrazione non è compatibile con l’immagine di un’invasione verso il nostro Paese.
TUMMINELLI G (2020). Integrazione dei rifugiati: un percorso complesso. In DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2020 (pp. 181-184).
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Dossier statistico immigrazione 2020-Tumminelli G.pdf

Solo gestori archvio

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 4.03 MB
Formato Adobe PDF
4.03 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/437689
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact