Il controllo giudiziario «volontario»: fra irrazionalità della disposizione e irrazionalità interpretative