IL “DE PROFUNDIS” DEL GIUDICATO INTERNO