Con la sentenza in commento la Corte di cassazione enuncia esplicitamente l’obbligo dei liquidatori di società di capitali di osservare il criterio della par condicio creditorum, alla luce dei principi generali desumibili dagli artt. 2740 e 2741 c.c., nonché di talune norme rinvenibili nella disciplina della liquidazione di società di capitali (i.e., artt. 2487, 2489 e 2491, comma2, c.c.).Al contempo, la SupremaCorte afferma la natura extracontrattuale della responsabilità dei liquidatori ex art. 2495 c.c., delineando le regole di ripartizione dell’onereprobatorio tra il creditore insoddisfattoedil liquidatoreconvenuto ingiudizio.Degno di considerazione è, altresì, il tentativo di tracciare una più netta linea di demarcazione tra l’obbligo del liquidatore di osservare la par condicio nel pagamento dei creditori sociali e l’attivazione, da parte dello stesso,diun’eventualeealternativa richiestadi fallimento inproprio (e,nelprossimofuturo,di liquidazione giudiziale) della società in liquidazione. La rilevanza e la generalità dei principi enunciati dalla sentenza in esame appaiono destinate ad alimentare un copioso dibattito dottrinale e giurisprudenziale, specie in relazione al fondamento e alla potenzialità estensiva dei medesimi.

Garilli Chiara (2020). Liquidazione di società e par condicio creditorum.

Liquidazione di società e par condicio creditorum

Garilli Chiara
2020-01-01

Abstract

Con la sentenza in commento la Corte di cassazione enuncia esplicitamente l’obbligo dei liquidatori di società di capitali di osservare il criterio della par condicio creditorum, alla luce dei principi generali desumibili dagli artt. 2740 e 2741 c.c., nonché di talune norme rinvenibili nella disciplina della liquidazione di società di capitali (i.e., artt. 2487, 2489 e 2491, comma2, c.c.).Al contempo, la SupremaCorte afferma la natura extracontrattuale della responsabilità dei liquidatori ex art. 2495 c.c., delineando le regole di ripartizione dell’onereprobatorio tra il creditore insoddisfattoedil liquidatoreconvenuto ingiudizio.Degno di considerazione è, altresì, il tentativo di tracciare una più netta linea di demarcazione tra l’obbligo del liquidatore di osservare la par condicio nel pagamento dei creditori sociali e l’attivazione, da parte dello stesso,diun’eventualeealternativa richiestadi fallimento inproprio (e,nelprossimofuturo,di liquidazione giudiziale) della società in liquidazione. La rilevanza e la generalità dei principi enunciati dalla sentenza in esame appaiono destinate ad alimentare un copioso dibattito dottrinale e giurisprudenziale, specie in relazione al fondamento e alla potenzialità estensiva dei medesimi.
Settore IUS/04 - Diritto Commerciale
Garilli Chiara (2020). Liquidazione di società e par condicio creditorum.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Liquidazione di società e par condicio creditorum.pdf

Solo gestori archvio

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 141.84 kB
Formato Adobe PDF
141.84 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/435932
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact