Rose senza perché. Hannah Arendt e le "fabbriche della morte".