"Gut gegen Nordwind" di Daniel Glattauer: una ridefinizione contemporanea del romanzo epistolare?