Gli spettri, il conforto della letteratura e l’autenticità del reale nell’esperienza concentrazionaria di Charlotte Delbo