“La grida canta chiaro”…o forse no. Qualche osservazione a partire da un esercizio di interpretazione giuridica