Paolo Di Stefano, narratore sensibile alle urgenze individuali e sociali della contemporaneità, si è rivelato, nel corso del suo cammino di giornalista, saggista, scrittore, interprete sempre più sottile di una nozione di “terra promessa” declinata in un’accezione molteplice. La meta agognata, l’orizzonte utopico cui tendere, consolidati nell’immaginario tradizionale, si caricano, tra cronaca e storia, tra presente e passato, di implicazioni diverse legate alla complessità della condizione migrante. Il topos epico del “suolo” da rifondare si trasforma ora nell’approdo che accoglie i superstiti di traversate disumane, provenienti da paesi martoriati da conflitti e miseria – come accade all’adolescente egiziano Selim, protagonista del romanzo I pesci devono nuotare – ora nella meta verso cui migravano le popolazioni italiane del dopoguerra, spinte da una analoga necessità di riscatto dall’indigenza, dalla disoccupazione, dagli stenti in cui versava in particolare il meridione della penisola.L’insistenza sugli effetti fonici del significante linguistico, sulle suggestioni onomatopeiche rientra tra le modalità più ricorrenti nel laboratorio narrativo dello scrittore in cui fondante torna la mimesi espressiva delle pronunce di cui egli si pone all’ascolto, dalla lingua ibrida, dalla sintassi disarticolata degli emigrati a Marcinelle sino al pedinamento del flusso dei pensieri di Selim ne I pesci devono nuotare. La scrittura non tradisce mai la realtà in cui si radica ma la libertà dell’invenzione, cifra elettiva di quest’ultimo romanzo, offre chiavi conoscitive “altre” sulla fisionomia plurima della migrazione, amplificandone i risvolti silenti, cassati dalla ruvidezza della cronaca.

La Monaca D (2020). La scrittura in “ascolto”: Paolo Di Stefano racconta le “voci” della migrazione. In B. Van den Bossche, I. De Seta (a cura di), “Scrittori e intellettuali italiani del Novecento on the road” (pp. 145-155). Franco Cesati editore.

La scrittura in “ascolto”: Paolo Di Stefano racconta le “voci” della migrazione

La Monaca D
2020-01-01

Abstract

Paolo Di Stefano, narratore sensibile alle urgenze individuali e sociali della contemporaneità, si è rivelato, nel corso del suo cammino di giornalista, saggista, scrittore, interprete sempre più sottile di una nozione di “terra promessa” declinata in un’accezione molteplice. La meta agognata, l’orizzonte utopico cui tendere, consolidati nell’immaginario tradizionale, si caricano, tra cronaca e storia, tra presente e passato, di implicazioni diverse legate alla complessità della condizione migrante. Il topos epico del “suolo” da rifondare si trasforma ora nell’approdo che accoglie i superstiti di traversate disumane, provenienti da paesi martoriati da conflitti e miseria – come accade all’adolescente egiziano Selim, protagonista del romanzo I pesci devono nuotare – ora nella meta verso cui migravano le popolazioni italiane del dopoguerra, spinte da una analoga necessità di riscatto dall’indigenza, dalla disoccupazione, dagli stenti in cui versava in particolare il meridione della penisola.L’insistenza sugli effetti fonici del significante linguistico, sulle suggestioni onomatopeiche rientra tra le modalità più ricorrenti nel laboratorio narrativo dello scrittore in cui fondante torna la mimesi espressiva delle pronunce di cui egli si pone all’ascolto, dalla lingua ibrida, dalla sintassi disarticolata degli emigrati a Marcinelle sino al pedinamento del flusso dei pensieri di Selim ne I pesci devono nuotare. La scrittura non tradisce mai la realtà in cui si radica ma la libertà dell’invenzione, cifra elettiva di quest’ultimo romanzo, offre chiavi conoscitive “altre” sulla fisionomia plurima della migrazione, amplificandone i risvolti silenti, cassati dalla ruvidezza della cronaca.
Settore L-FIL-LET/11 - Letteratura Italiana Contemporanea
La Monaca D (2020). La scrittura in “ascolto”: Paolo Di Stefano racconta le “voci” della migrazione. In B. Van den Bossche, I. De Seta (a cura di), “Scrittori e intellettuali italiani del Novecento on the road” (pp. 145-155). Franco Cesati editore.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
14. La Monaca -Di Stefano (1).pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 68.75 kB
Formato Adobe PDF
68.75 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/431086
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact