Carcere, popolo e punizione nella šanson russa e nei neomelodici napoletani