In the first part, the essay reconstructs the complex historiographic elaboration of the concept of Modernity and its declination on the religious side, with particular reference, after the end of the confessional and ideological conflicts, to the new physiognomy assumed by the discussion on the controversial relationship between the churches and the modern age. Starting from the lessons of Weber, Prodi and the historiography of social discipline, the essay goes into the historiographical paths that have allowed the critical development of the discourse on the formation of modern states, on the processes of secularization and on the real consistency of the eighteenth-century caesura in recent decades. In the second part, he develops a reflection on holiness in Sicily in the long run and on the political-religious dynamics that led to the affirmation of the cult of Rosalia.

Nella prima parte il saggio ricostruisce la complessa elaborazione storiografica del concetto di Modernità e della sua declinazione sul versante religioso, con particolare riferimento, dopo la fine dei conflitti confessionali e ideologi, alla nuova fisionomia assunta dalla discussione sul controverso rapporto tra le chiese e l’età moderna. Muovendo dalle lezioni di Weber, Prodi e della storiografia del disciplinamento sociale, il saggio si addentra nei percorsi storiografici che hanno consentito negli ultimi decenni lo sviluppo critico del discorso sulla formazione degli stati moderni, sui processi di secolarizzazione e sulla reale consistenza della cesura settecentesca. Nella seconda parte sviluppa una riflessione sulla santità in Sicilia nel lungo periodo e sulle dinamiche politico-religiose che condussero all'affermazione del culto di Rosalia.

Cusumano Nicola (2020). Religione e Modernità. In G. Palermo (a cura di), Rosalia e le altre: identità, memorie e simboli del sacro femminile (pp. 81-92). Palermo : Fondazione Ignazio Buttitta.

Religione e Modernità

Cusumano Nicola
2020

Abstract

Nella prima parte il saggio ricostruisce la complessa elaborazione storiografica del concetto di Modernità e della sua declinazione sul versante religioso, con particolare riferimento, dopo la fine dei conflitti confessionali e ideologi, alla nuova fisionomia assunta dalla discussione sul controverso rapporto tra le chiese e l’età moderna. Muovendo dalle lezioni di Weber, Prodi e della storiografia del disciplinamento sociale, il saggio si addentra nei percorsi storiografici che hanno consentito negli ultimi decenni lo sviluppo critico del discorso sulla formazione degli stati moderni, sui processi di secolarizzazione e sulla reale consistenza della cesura settecentesca. Nella seconda parte sviluppa una riflessione sulla santità in Sicilia nel lungo periodo e sulle dinamiche politico-religiose che condussero all'affermazione del culto di Rosalia.
Cusumano Nicola (2020). Religione e Modernità. In G. Palermo (a cura di), Rosalia e le altre: identità, memorie e simboli del sacro femminile (pp. 81-92). Palermo : Fondazione Ignazio Buttitta.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
4.pdf

non disponibili

Dimensione 2.1 MB
Formato Adobe PDF
2.1 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/427513
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact