In questo saggio si analizzeranno due opere – Recits d’Ellis Island, di Georges Perec e Robert Bober e Incoming di Richard Mosse – e il loro modo di riflettere sulla Shoah in maniera eccentrica, obliqua attraverso due particolari lenti che guardano alle migrazioni di esseri umani in condizioni di pericolo: quella di phantasmata e quella di “trasmigrazione”, tanto nella sua accezione di migrazione, di passaggio di qualcosa o qualcuno attraverso lo spazio, ma anche attraverso il tempo, quanto nel senso di trascendenza dello spirito o dell’anima da una forma di esistenza corporea a forme di esistenza meno tangibili. All’interno di queste due opere la parola si fa accompagnare dall’immagine fotografica per raccontare vicende tragiche senza esporle, attraverso immagini a loro volta migranti, che provengono da un altrove e da un momento eccentrico rispetto all’argomento della Shoah, ma che possono problematizzare la nostra comprensione del modo in cui la storia (con la S maiuscola, nelle parole di Perec) è scritta e in cui è contestualizzata attraverso i discorsi.

Cammarata, V. (2020). Fantasmi e trasmigrazioni. Le memorie degli altri in Georges Perec e Richard Mosse. In M. DI FIGLIA, D. TONONI (a cura di), TEMPO E SHOAH. POLITICHE DELL'OBLIO E FORME TESTIMONIALI (pp. 113-130). PALERMO : UNIPAPRESS.

Fantasmi e trasmigrazioni. Le memorie degli altri in Georges Perec e Richard Mosse

Cammarata, Valeria
2020

Abstract

In questo saggio si analizzeranno due opere – Recits d’Ellis Island, di Georges Perec e Robert Bober e Incoming di Richard Mosse – e il loro modo di riflettere sulla Shoah in maniera eccentrica, obliqua attraverso due particolari lenti che guardano alle migrazioni di esseri umani in condizioni di pericolo: quella di phantasmata e quella di “trasmigrazione”, tanto nella sua accezione di migrazione, di passaggio di qualcosa o qualcuno attraverso lo spazio, ma anche attraverso il tempo, quanto nel senso di trascendenza dello spirito o dell’anima da una forma di esistenza corporea a forme di esistenza meno tangibili. All’interno di queste due opere la parola si fa accompagnare dall’immagine fotografica per raccontare vicende tragiche senza esporle, attraverso immagini a loro volta migranti, che provengono da un altrove e da un momento eccentrico rispetto all’argomento della Shoah, ma che possono problematizzare la nostra comprensione del modo in cui la storia (con la S maiuscola, nelle parole di Perec) è scritta e in cui è contestualizzata attraverso i discorsi.
Settore L-FIL-LET/14 - Critica Letteraria E Letterature Comparate
Cammarata, V. (2020). Fantasmi e trasmigrazioni. Le memorie degli altri in Georges Perec e Richard Mosse. In M. DI FIGLIA, D. TONONI (a cura di), TEMPO E SHOAH. POLITICHE DELL'OBLIO E FORME TESTIMONIALI (pp. 113-130). PALERMO : UNIPAPRESS.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
FANTASMI E TRASMIGRAZIONI.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo pubblicato
Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 592.81 kB
Formato Adobe PDF
592.81 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/427261
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact