“Cent’anni di solitudine”? L’architettura dei Chiaromonte tra storiografia e nuove prospettive