I dipinti ereditati nel 1725 da don Giuseppe Emanuele Ventimiglia, principe di Belmonte