Meraviglia, stupore e timore: la (mia) formazione estetologica