Lahbabi e il concetto senza parola