Il dogma della preferenza per i connazionali e la priorità della giustizia globale