Potere prefettizio d'ordinanza, libertà di riunione e diritto al conflitto: a proposito di un caso singolare