I partiti "attori" della crisi