Recenti vicende umane e giuridiche hanno portato in primo piano il tema del testamento biologico e del rapporto tra l’uomo, la malattia e la morte. L’interrogativo sulla morte è connesso con quello della vita umana che viene considerata ora come la semplice sopravvivenza dell’organismo biologico, ora come un’esperienza che racchiude aspetti emotivi, affettivi e relazionali. Le discipline psicologiche possono aiutare a riflettere sul rapporto della società contemporanea con la malattia e con la morte, sui riti che accompagnano tali esperienze, sui processi decisionali che sottostanno al testamento biologico. Nell’epoca contemporanea la medicina si accosta al morente con l’idea di vincere la morte e ritardare il suo avvento, invece di tendere alla coniugazione degli aspetti tecnici con quelli umani e relazionali. Il testamento biologico può essere considerato come uno strumento che permette di recuperare la consapevolezza sulle tematiche connesse alla morte, di implementare la relazione terapeutica e di migliorare la qualità della vita nell’ultima fase dell’esistenza umana.

SIDELI, L., ANCONA, M., RIZZO, R., LA BARBERA, D. (2009). Il testamento biologico: dimensioni culturali, prospettive simboliche e psicodinamiche. PSICHIATRIA E PSICOTERAPIA, 28(3), 155-165.

Il testamento biologico: dimensioni culturali, prospettive simboliche e psicodinamiche

SIDELI, Lucia;LA BARBERA, Daniele
2009-01-01

Abstract

Recenti vicende umane e giuridiche hanno portato in primo piano il tema del testamento biologico e del rapporto tra l’uomo, la malattia e la morte. L’interrogativo sulla morte è connesso con quello della vita umana che viene considerata ora come la semplice sopravvivenza dell’organismo biologico, ora come un’esperienza che racchiude aspetti emotivi, affettivi e relazionali. Le discipline psicologiche possono aiutare a riflettere sul rapporto della società contemporanea con la malattia e con la morte, sui riti che accompagnano tali esperienze, sui processi decisionali che sottostanno al testamento biologico. Nell’epoca contemporanea la medicina si accosta al morente con l’idea di vincere la morte e ritardare il suo avvento, invece di tendere alla coniugazione degli aspetti tecnici con quelli umani e relazionali. Il testamento biologico può essere considerato come uno strumento che permette di recuperare la consapevolezza sulle tematiche connesse alla morte, di implementare la relazione terapeutica e di migliorare la qualità della vita nell’ultima fase dell’esistenza umana.
2009
Settore M-PSI/08 - Psicologia Clinica
Settore MED/25 - Psichiatria
http://www.fioriti.it/riviste/riassunto.php?PHPSESSID=dfed48b4105eceb32996208a6e1f1fb8&idRivista=114&idArticolo=672
SIDELI, L., ANCONA, M., RIZZO, R., LA BARBERA, D. (2009). Il testamento biologico: dimensioni culturali, prospettive simboliche e psicodinamiche. PSICHIATRIA E PSICOTERAPIA, 28(3), 155-165.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
il testamento biologico.pdf

Solo gestori archvio

Dimensione 5.28 MB
Formato Adobe PDF
5.28 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/40965
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact