L’8 Dicembre 2011 il Comune di Palermo pubblica un “invito a manifestare interesse” verso i Cantieri Culturali alla Zisa, un luogo che da anni versa in grave stato di abbandono. L’invito, rivolto ad imprenditori individuali, società commerciali o cooperative, operatori economici ed altri soggetti privati interessati alla gestione dei padiglioni che compongono il complesso, trova però un destinatario inatteso. Dieci giorni dopo, infatti, un gruppo di artisti, associazioni e liberi cittadini rispondono all’invito del Comune, indicendo tre giornate di assemblee, incontri, performance, proiezioni e dibattiti che riaprissero quello spazio di mezzo che l’opprimente sinergia fra amministrazione pubblica e iniziativa privata sembrava aver negato. È in questo luogo, fra i suoi padiglioni e gli eventi che li hanno abitati, che questo articolo intende muoversi. È qui, infatti, che prassi politica ed elaborazione teorica si toccano, che movimenti e occupazioni incrociano teorie e discorsi, è qui che il comune prende corpo e si fa spazio. Portando la riflessione comunitaria di Giorgio Agamben, Jean-Luc Nancy e Roberto Esposito dentro lo spazio vissuto e corporeo dei Cantieri, questo articolo intende tracciare una geografia del comune che trova nella riappropriazione degli spazi una necessaria quanto inventiva possibilità di resistenza.

GIUBILARO, C. (2018). Luoghi comuni. Pratiche di reinvenzione urbana ai Cantieri Culturali della ZIsa. In S. Borvitz (a cura di), Metabolismo e spazio simbolico. (Ri)negoziazioni, (ri)appropriazioni nella Sicilia attuale (pp. 103-120). Napoli-Salerno : Orthotes Editrice.

Luoghi comuni. Pratiche di reinvenzione urbana ai Cantieri Culturali della ZIsa

GIUBILARO, Chiara
2018-01-01

Abstract

L’8 Dicembre 2011 il Comune di Palermo pubblica un “invito a manifestare interesse” verso i Cantieri Culturali alla Zisa, un luogo che da anni versa in grave stato di abbandono. L’invito, rivolto ad imprenditori individuali, società commerciali o cooperative, operatori economici ed altri soggetti privati interessati alla gestione dei padiglioni che compongono il complesso, trova però un destinatario inatteso. Dieci giorni dopo, infatti, un gruppo di artisti, associazioni e liberi cittadini rispondono all’invito del Comune, indicendo tre giornate di assemblee, incontri, performance, proiezioni e dibattiti che riaprissero quello spazio di mezzo che l’opprimente sinergia fra amministrazione pubblica e iniziativa privata sembrava aver negato. È in questo luogo, fra i suoi padiglioni e gli eventi che li hanno abitati, che questo articolo intende muoversi. È qui, infatti, che prassi politica ed elaborazione teorica si toccano, che movimenti e occupazioni incrociano teorie e discorsi, è qui che il comune prende corpo e si fa spazio. Portando la riflessione comunitaria di Giorgio Agamben, Jean-Luc Nancy e Roberto Esposito dentro lo spazio vissuto e corporeo dei Cantieri, questo articolo intende tracciare una geografia del comune che trova nella riappropriazione degli spazi una necessaria quanto inventiva possibilità di resistenza.
Settore M-GGR/01 - Geografia
GIUBILARO, C. (2018). Luoghi comuni. Pratiche di reinvenzione urbana ai Cantieri Culturali della ZIsa. In S. Borvitz (a cura di), Metabolismo e spazio simbolico. (Ri)negoziazioni, (ri)appropriazioni nella Sicilia attuale (pp. 103-120). Napoli-Salerno : Orthotes Editrice.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Giubilaro_ Luoghi comuni.pdf

Solo gestori archvio

Tipologia: Pre-print
Dimensione 92.76 kB
Formato Adobe PDF
92.76 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/405824
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact